La capra di Montecristo.
L'isola ospita l'unica comunità di capre selvatiche presente in Italia, dal momento che le popolazioni situate altrove sono costituite da individui domestici rinselvatichiti. La capra selvatica di Montecristo (Capra aegagrus hircus) appartiene alla famiglia dei bovidi, è alta al garrese 60-70 centimetri e ha una lunghezza di 70-80 centimetri, 10 dei quali spettano alla coda. Il peso è compreso fra i 30 e i 50 chilogrammi nei maschi e fra i 20 e i 30 nelle femmine. Ha il corpo robusto, zampe forti e zoccoli dalla base larga costituiti da due metà divaricabili, una conformazione che le dà una perfetta aderenza sui costoni di roccia. Il mantello è lungo con notevoli variazioni nel disegno e nel colore, frutto di alterazioni dovute all'incrocio con esemplari di capra domestica. Vive in gruppi costituiti da individui dello stesso sesso, tranne durante il periodo degli amori (da agosto a settembre), quando i maschi ricercano le femmine in calore accompagnando il corteggiamento con brevi e insistenti grugniti.
Da: Coste & Mari d'Italia (2000)

Una capra prolifica
Un esemplare di capra selvatica. Con la nomina a Montecristo a Riserva Naturale questi animali hanno raggiunto i 350 individui, superando la capacità faunistica dell'isola.
E' il luogo ideale per poter attraccare con i nostri charter a vela noleggiati presso Marina di Salivoli a Piombino.
 
 
Google
 
 

Disclaimer | Privacy | Terms & Conditions